una poesia di Giovanni Canzoneri

Nascivu cu li tò ‘nzignamenti,
lu tò amuri e li sintimenti.
Lu babbiari, lu ridiri e lu chiantu,
tu ca eri di nomi, non di fattu, ‘nu santu*.

M’ammanca la tò vuci e lu parrari,
m’ammanca lu discutiri e lu cunfidari,
m’ammancanu li tò vrazza forti,
ca m’ammogghianu d’amuri…e mi cunforti.

Nascivu rivultusu e tu lu sapevi,
nascivu rivultusu e tu lu videvi,
nascivu rivultusu, patri miu,
e tu, priatu, dicevi chistu è figghiu miu .

Quannu, ddà mala jurnata, ti nnì isti,
tu, surridennu mi parrasti e mi dicisti:
«Mi nnì vaju ma è sulu ‘napparenza
picchì, io, senza di tìa nun pozzu fari senza.

Ti staiu sempri ò latu, ti staiu ‘ncucciatu,
t’abbrazzu cu li mè suspiri e lu mè ciatu.
e quannu senti bisognu, nun t’affruntari
taliannu lu firmamentu mi po’ parrari.

E io t’arrispunnu tra li vaneddi,
cu lu cantu armuniusu di l’aceddi,
‘nu cantu libiru, ‘nu cantu arditu,
‘nu cantu chinu ‘i vita, d’amuri ‘nfinitu».

Sono nato con i tuoi insegnamenti,
il tuo amore e i tuoi sentimenti.
Lo scherzare, il ridere e il pianto,
tu che eri di nome, non di fatto, un santo.

Mi manca la tua voce e il parlare,
mi manca il discutere e il confidare,
mi mancano le tue braccia forti,
che mi avvolgono d’amore…e mi conforti.

Sono nato rivoltoso e tu lo sapevi,
sono nato rivoltoso e tu lo vedevi,
sono nato rivoltoso, padre mio,
e tu, soddisfatto dicevi, questo è mio figlio .

Quando, quella brutta giornata, sei andato via,
Tu, sorridendo mi parlasti e mi dicesti:
«Me ne vado, ma è solo un’apparenza,
perché, io, senza di te non posso fare senza
.

Sto sempre al tuo fianco, ti sto legato,
ti abbraccio con i miei sospiri e il mio fiato.
E quando senti il bisogno, non ti vergognare,
guardando il firmamento mi puoi parlare
.

E io tra i vicoli ti rispondo,
con il canto armonioso degli uccelli
un canto libero, un canto ardito,
un canto pieno di vita, d’amore infinito».

*“Piacere, Santo Canzoneri. Santo di nome, non di fatto!” così si presentava, scherzosamente, mio padre

La poesia ha vinto il primo premio nella categoria “Poesia dialettale” al concorso letterario Caterina Martinelli, martire antifascista (Roma, 26 ottobre 2019)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...